Lo studio è situato in una cornice ottocentesca di un antico palazzo al Corso Secondigliano, importante quartiere alla periferia di Napoli, che con il suo antico borgo costituito da palazzi storici, chiese,  piazze    rappresenta     anche una tappa importante per un itinerario di grande fascino.

Situato al primo piano, offre alle pazienti un ambiente caldo e confortevole in grado di fornire loro la necessaria tranquillità. Le apparecchiature e le tecnologie utili alla pratica dell' ostetricia e ginecologia, sono moderne ed efficienti. La sterilizzazione di tutti i materiali e strumenti viene eseguita nel massimo rispetto delle norme igieniche e sanitarie, con tecnologia d'avanguardia anche se molti degli strumenti sono monouso.

Lo studio si avvale anche della collaborazione di diversi professionisti particolarmente esperti nelle specialità da loro esercitate, usufruendo di diversi laboratori collocati all'esterno dello studio.

I membri dello staff dello studio e i laboratori sono:

Dott. De Lucia Eugenio, ginecologo, che mette a disposizione delle pazienti la sua esperienza per tutte le ecografie strutturali e per lo screening ecografico della translucenza nucale e osso nasale.



Dott. Apicella Adolfo, anatomopatologo, che referta tutti i pap test, thin prep pap-test, ricerca e tipizzazione HPV e i vari esami citologici ed istologici che vengono effettuati nello studio.


EMO TEST s.r.l., laboratorio di analisi particolarmente attento ai problemi della citogenetica - diagnosi prenatale e postnatale - FISH sui nuclei in interfase.

GESTIONE CENTRO RICERCHE, laboratorio di analisi chimico cliniche microbiologiche e radioimmunologiche per le indagini ormonali, markers tumorali e il monitoraggio della gravidanza.
Nello studio del dott. Stradella vengono effettuate ecografie, monitoraggio della gravidanza a rischio, amniocentesi, ago aspirato, pap test, colposcopia, colloqui e terapie per la coppia sterile, studio della menopausa, prevenzione dei tumori della sfera genitale femminile, densitometria ossea computerizzata.
Inoltre è possibile effettuare:

- screening della trombofilia, nelle donne con pregressa abortività e morte fetale intrauterina per attuare, in presenza di markers biochimici e/o genetici associati al rischio trombotico, una profilassi tromboembolica nelle successive gravidanze.

- screening della trombofilia, in corso di trattamento con contraccettivi orali.

- screening della trombofilia per il rischio tromboembolico nelle donne in menopausa in corso di terapia ormonale sostitutiva.

- studio delle mutazioni nel Dna per il rischio tromboembolico.



* *